top of page
Cerca
  • stefanoattuario

Arcobaleni in bianco e nero

Quando vedi un quadro, una fotografia in bianco e nero vedi l’anima dei soggetti, non ci sono colori che distraggono l’occhio, la mente, il cuore.

Vedere a colori ti da poco margine di fantasia, di percezione della realtà, mentre in bianco e nero, hai la possibilità di avere la sensibilità giusta per osservare la realtà senza caos attorno.

Con Arcobaleni in Bianco e Nero ho voluto dare risalto al guardarsi oltre la copertura del colore come “cortesi bugie”, ovvero scoprire o vedere l’essenza di una persona, di un fatto, di un gesto. Anche nel Video, che vede alla regia ancora Lory Muratti con l'auto di Carlo Martegani, abbiamo voluto fotografare la vita quotidiana sia all’interno delle proprie mura domestiche che all’esterno. Ad esempio ignorando il presente, le difficoltà, i problemi distraendosi pensando al prossimo Natale, a guardare la Tv facendoci ingannare da “dolci poesie” per fingere di saper godere. Chiudendosi in se stessi per paura della gente o di tutto. Affondare in un vortice dove anche il tuo credo si mostra come una croce senza voce. E’ una canzone ribelle, che invita ad aprire gli occhi, a guardare in bianco e nero, ovvero la realtà per ciò che è. I suoni grazie anche alla produzione di Max Zanotti, riescono a dar risalto al testo con degli arrangiamenti sofferti, ma che donano quella forza e potenza che rendono l’ascolto come un’esperienza e un incredibile viaggio attraverso l’animo umano e le sue riflessioni.


un ringraziamento speciale a Lory Muratti, Carlo Martegani, Miriam Vangelista, Max Zanotti, Francesco Caprini, Franco Sainini, Divininazione Milano.








2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Recensione Nemesi su NZIRIA MAGAZINE

#recensione di #Nemsi sul #magazine @Nziramagazine a cura di @Silvianasti "Il risultato è un debuto altamente encomiabile, autentico e senza dubbio commovente per gli ascoltatori. Attuario mostra chia

Recensione di Nemesi sul magazine STEREOPHONIC

#recensione di #nemesi sul magazine @stereophonic "Lungo i dieci brani di Nemesi ti ritrovi a far parte del viaggio introspettivo di Stefano, guardando il mondo da prospettive diverse. La complessità

Comentários


bottom of page